Bombarda e Piffero – Errabundi Musici

Bombarda e Piffero

Bombarda e Piffero

La Bombarda è uno strumento che nasce nel Medioevo, utilizzato come la Piva ed il Piffero fino al Rinascimento, nel passaggio come i primi due da strumenti di strada a strumenti utilizzati nelle Corti. La sua finzione era la stessa del Piffero e cioè quella di essere suonata insieme alla Piva, attraverso degli interventi inseriti durante l’esecuzione di un brano. Per la Bombarda, la fatica nell’eseguire un brano era ancora maggiore rispetto al Piffero. Questo strumento infatti è di dimensioni maggiori: l’aria quindi deve percorrere un tragitto più lungo ed inoltre le proporzioni dell’ancia sono diverse. La Bombarda é uno strumento nella tonalità di do. Ha una scala ed una diteggiatura diversa rispetto al Piffero (ciò che hanno in comune il numero dei fori lungo il corpo dello strumento) ma per quello che riguarda la sua costruzione vengono rispettati gli stessi criteri. Le ancie possono essere di canna o di materiale sintetico, i legni più usati sono il Bosso, ilSorbo (italiano o francese), oppure il Pero,spesso utilizzato per la costruzione della campana dello strumento, che a differenza di quella del Piffero, può essere smontata.

Il Piffero, come la Piva, nasce nel Medioevo e segue lo stesso percorso storico. La Piva infatti nelle sue esecuzioni poteva essere suonata da sola (i bordoni sono già un accompagnamento), o insieme ad altre Pive, oppure essere accompagnata dal Piffero. Questo strumento può essere considerato un antenato dell’ Oboe, sia per la forma che per il fatto che utilizza un’ ancia doppia. Il Piffero è identico al Chanter della Piva, è nella stessa tonalità (sol), ha la stessa estensione e segue la stessa diteggiatura.L’unica differenza risiede nel fàtto che l’aria viene inimessa direttamente dal suonatore nello strumento, non essendoci una sacca. Durante le esecuzioni la melodia consisteva in un dialogo tra i due strumenti; da una parte la Piva, che suonava un intero brano da capo a fine; dall’altra il Piffero che si inseriva in determinati momenti durante l’esecuzione. Questo modo di utilizzare tale strumento, deriva anche dal fatto, che richiede una grande pressione dell’aria e ciò comportava enorme fatica da parte dell’esecutore. A questo proposito è interessante citare alcuni testi in cui si afferma di come i suonatori di Pifferi e Bombarde, indossassero durante le loro esecuzioni una sorta di maschera forata in prossimità della bocca come sostegno per poter suonare. I legni utilizzati per costruire il Piffero sono gli stessi utilizzati per la Piva.